Comune di San Marcello Piteglio


Contesto Pagina

Torri di Popiglio

TORRI DI POPIGLIO

TORRI DI POPIGLIO

A monte del paese di Popiglio sorgeva la Rocca Securana, importante punto di difesa della montagna pistoiese sul confine con lo stato lucchese fino al XV secolo; la rocca probabilmente sorgeva su di un antico accampamento romano del II secolo a.C. che serviva a proteggere le vie di comunicazione romane. La rocca fu poi sviluppata e rinforzata dai Longobardi, quindi di nuovo sotto il dominio carolingio ed ancora dai Conti Guidi, feudatari della zona.
Le Torri di Popiglio sono gli ultimi resti della Rocca Securana: le due torri rimaste si trovano ad 811 m s.l.m.
Le Torri hanno entrambe forma quadrata e sorgono a quote diverse del versante a breve distanza l'una dall'altra: la più elevata al vertice l'altra una ventina di metri più in basso. La prima torre, parzialmente diruta, si eleva oggi per circa il cinquanta percento della sua altezza originaria e si notano ancora i resti della cinta muraria di forma elittica che un tempo la circondava. Molto probabilmente all'interno sorgevano altri edifici, come si può evincere da i resti di una costruzione addossata la lato nord est, ed era sicuramente sede del centro di comando del sistema difensivo.
L'altra torre non aveva fortificazioni aggiuntive, molto probabilmente fungeva da collegamento intermedio fra il paese e il vertice delle fortilizio, anch'essa fortemente diruta ma i suoi resti gli consentono di essere più alta della 'gemella'. Ancora oggi da questa posizione è possibile dominare l'intera valle.


Validatori