Comune di San Marcello Piteglio


Contesto Pagina

Pieve di Santa Maria Assunta di Gavinana

Pieve di Santa Maria Assunta di Gavinana

Pieve di Santa Maria Assunta di Gavinana

Gavinana, località famosa per la battaglia che segnò la fine della Repubblica Fiorentina, possiede una delle chiese più interessanti della Montagna Pistoiese. Si tratta dell'antica pieve di Santa Maria Assunta della quale si hanno notizie certe fin da XIII secolo. Di chiaro impianto romanico, con una monofora a tre imbotti nella zona absidale, la pieve è ricchissima di opere d'arte a partire dall'acquasantiera in marmo vicino al portale di ingresso.
Nel XVII secolo, la chiesa, soprattutto internamente, fu oggetto di restauri che la trasformarono in stile barocco. Nel 1818, venne edificato il portico della facciata e, nello stesso anno, la torre campanaria venne rifatta in luogo di quella secentesca. Tra il 1940 e il 1941, la chiesa è stata restaurata radicalmente all'esterno; questi restauri hanno rimesso in luce le antiche strutture romaniche.
All'esterno, presenta ancora le strutture romaniche. La facciata, a capanna, è preceduta da un portico, costruito nel XIX secolo. Questo, sporgente dalla facciata, è costituito dal pronao, di tre campate con volta a crociera, sorretto da quattro colonne corinzie, e dal sovrastante attico, con tre monofore rettangolari murate.
Di fianco al portale, si trova il leone stiloforo, scultura del XII secolo, che originariamente sosteneva una delle due colonne del protiro, andato perduto. Sulla destra della chiesa vi è il campanile a pianta quadrata, coronato da un cupolino ottagonale.
L'interno, frutto dei restauri barocchi del XVII secolo, è a navata unica, con due campate coperte con volta a crociera, presbiterio quadrato coperto con volta a cupola poco pronunciata ed abside semicircolare.
Ai lati del portale di ingresso, una raffinata acquasantiera in marmo e, sulla parete, la Madonna del Rosario (1638) di Domenico Pugliani. Al primo pilastro a sinistra è appoggiata una Vergine col Bambino in stucco policromo. Addossate ai pilasti presso la zona absidale, due sculture in legno del secolo XV.
Nel presbiterio, un ricco altare ligneo con l'Assunzione della Vergine (1615). Alle pareti, due grandi pale in terracotta policroma invetriata, attribuite a Benedetto Buglioni.

La Pieve di Santa Maria Assunta di Gavinana è conosciuta oltre che dagli amanti delle arti figurative anche dai cultori della musica sacra: collocato nella cantoria sopra l'ingresso della chiesa, c'è infatti il Grand'Organo a canne, costruito da Pietro Agati nel 1776, uno strumento monumentale assolutamente unico nel suo genere. La storia di questo antico organo si lega al nome di Domenico Achilli, che nel 1811 lo acquistò dall'ex convento di San Lorenzo a Pistoia, dove era conservato.


Validatori